Tra Natale e Capodanno, l’agenda dei telespettatori di Classica HD è molto fitta. Simon Rattle, i King’s Singers, Anne-Sophie Mutter, i Berliner Philarmoniker e Sting sono solo alcuni dei protagonisti che ascolteremo con gli occhi per salutare il 2015. Considerando che, oltre a questi viaggi in alta definizione verso le cattedrali musicali d’Europa, le celebrazioni con amici e parenti saranno numerose, resterà poco tempo da dedicare a un buon libro. Ciononostante, le segnalazioni che seguono possono valere sia come consigli di lettura sia come consigli per gli ultimi regali.

La critica musicale
di Federico Capitoni
Carocci editore, Roma, 2015 - 112 pagine; 12 euro

Dopo duecento anni di critica musicale, Federico Capitoni fa il punto della situazione. Un saggio buono perché scritto da chi rispetta i lettori e conosce perfettamente le dinamiche di un mondo popolato da critici, opinionisti, artisti, followers e addetti stampa. Elvis Costello diceva: “scrivere di musica è come ballare di architettura”. Aggrapparsi a un aforisma così geniale non può bastare. Inoltre, nello specifico, significherebbe abbandonare il libro alla citazione che apre il primo capitolo rinunciando così a una godibilissima digressione e al gran finale con i quattro consigli per l’imparzialità ordinati in bullet point e l’appendice con le parole più fraintendibili della critica musicale.

Storia delle orchestre
di Enzo Beacco
Il Saggiaotre, Milano, 2015 - 286 pagine; 21 euro

Grazie ai libri di Enzo Beacco noi impariamo sempre qualcosa. Quest’anno, ancora una volta con il Saggiatore, l’autore ci offre una monografia dedicata alla storia delle orchestre del mondo occidentale. Un volume ordinatissimo che favorisce la navigazione in solitaria del lettore: una sera a pagina 161 con gli ottoni del Midwest e la sera dopo a pagina 14 per scoprire cosa succedeva a Ferrara nel 1529.
 
Vivaldi e l'angelo di avorio. racconti veneziani
di Mario Marcarini - illustrazioni di Barnaba Fornasetti
Skira, Milano, 2015 - 86 pagine; 14 euro

“Vivaldi e l’angelo di avorio” è uno dei progetti più interessanti degli ultimi anni che, dopo aver svelato il lato discografico con l’integrale dei concerti per oboe e orchestra di Vivaldi, torna a sorprenderci con i racconti brevi firmati da Mario Marcarini. Arricchito dalle illustrazioni di Barnaba Fornasetti, che già aveva lavorato sulle cover dei dischi incisi dall’oboista Simone Toni con il gruppo Silete venti!, il libro di Marcarini ci riporta alla Venezia del primo Settecento, in quella zona grigia che aiuta i narratori a sovrapporre storie e leggende. Lo splendore misterioso della Serenissima è magicamente rievocato e l’ombra del prete rosso che scorre sui canali è qualcosa di più di una semplice illusione.
 
La musica scorre a Berlino
di Claudio Abbado e Lidia Bramani
Bompiani, Milano, 2015 - 152 pagine 13 euro

Dopo le edizioni del 1998 e del 2000, è ritornato per Bompiani il libro intervista di Claudio Abbado in conversazione con Lidia Bramani. La nuova edizione ha richiesto un cambio titolo e quindi il volume che abbiamo tra le mani ora è “La musica scorre a Berlino”. Titolo a parte, tra l’altro ancora perfettibile, resta comunque un testo sacro, un manuale d’autore imprescindibile. 

Recensioni di Jacopo Pataccini