Tre balletti firmati Frederick Ashton celebrano 70 anni di produzioni
Continua su oltre 1500 schermi cinematografici di tutto il mondo la stagione 2016-2017 del cartellone della Royal Opera House di Londra, con la proiezione di spettacoli e balletti dal prestigioso palcoscenico di Covent Garden.
In diretta via satellite nei cinema italiani, mercoledì 7 giugno alle 20.15 Nexo Digital presenta tre balletti firmati da Frederick Ashton – coreografo fondatore del Royal Ballet – per celebrare i 70 anni di produzioni della nota compagnia internazionale.
Sulle note di Felix Mendelssohn, César Franck e Franz Liszt dirette da Emmanuel Plasson, “The Dream”, “Symphonic Variations”, “Marguerite and Armand” vivranno sul celeberrimo palcoscenico londinese impreziositi da un cast eccezionale di danzatori, tra i quali Roberto Bolle.
The Dream”, su partiture di Mendelssohn, è l'adattamento dello shakespeariano “Sogno di una notte di mezza estate”, in cui uno spirito della foresta porta scompiglio armato di una pozione d'amore. La ballerina Sarah Lamb incarna Titania, mentre Steven McRae veste i panni di Oberon.
Symphonic Variations” è stato il primo lavoro di Ashton eseguito dopo la seconda guerra mondiale, nonché uno dei primi a essere rappresentato sul palco principale della Royal Opera House, nel 1946. Con eccellenti ballerini, tra cui Marianela Nuñez e Vadim Muntagirov che interpretano una serie di quartetti, duetti, sestetti e assoli avvolti dalle “Variations symphoniques” di Franck, Ashton firma un capolavoro che celebra la bellezza pura del movimento.
Marguerite and Armand” venne creato nel 1963 dal coreografo del Royal Ballet per Rudolf Nureyev e Margot Fonteyn per celebrare la loro straordinaria e unica unione nella danza. La coreografia trae le mosse da “La Dame aux camélias” di Alexandre Dumas figlio, che ha ispirato “La traviata” di Giuseppe Verdi. Sulle note di Liszt, Zenaida Yanowsky interpreta Marguerite, mentre l’acclamatissimo Roberto Bolle muove i passi – e i sentimenti – di Armand.
(elenco sale su www.nexodigital.it)