venerdì 26 gennaio, alle 21.10
Negli Stati Uniti la parte alta delle gradinate degli stadi è chiamata in gergo nosebleed section, in riferimento alla grande vivacità di chi vi si siede. In italiano, in riferimento ai teatri, essa corrisponde al cosiddetto “Loggione” e i posti ivi acquistabili, data la lontananza dalla scena, costano di meno, condizionando quindi le caratteristiche dei più tipici frequentatori, di estrazione più modesta rispetto al resto del pubblico in sala. Nel caso specifico del Teatro alla Scala di Milano, verrà a costituirsi una vera e propria associazione chiamata proprio “Gli Amici del Loggione”. L’allora sovrintendente Paolo Grassi ne dirà nel 1978:
"Si è costituita una associazione giovane e densa di significato, spettatori che danno il sale al nostro lavoro, nell'indipendenza delle loro reazioni, nella passione del loro comportamento, nella libertà del loro amore, nella tenacia della loro presenza…".
Nell’ambito dello splendido documentario “Il Cronista alla Scala”, a cura di Enzo Biagi, questa associazione è protagonista  della puntata in onda venerdì 26 gennaio alle 21.10. Su Classica HD, canale 138 di Sky.