Bologna Festival - Ivàn Fischer con la Budapest Festival Orchestra ed Emanuel Ax

Il brio delle ouvertures operistiche rossiniane, la drammatica Quarta di Schubert, il Concerto K.453, che lo stesso Mozart definiva "da far sudare". Un programma che serve da banco di prova per la versatile Budapest Festival Orchestra, una delle maggiori orchestre europee che incarna la grande tradizione mitteleuropea, guidata da Ivàn Fischer.
 Emanuel Ax, pianista canadese di origini polacche, è un interprete mozartiano molto reputato e ha vinto più volte il Grammy Award per le sue incisioni.

Pagine

In Evidenza
Sull’orizzonte del Festival, che quest’anno rende omaggio alla Grecia culla di civiltà, si...
Il brio delle ouvertures operistiche rossiniane, la drammatica Quarta di Schubert, il Concerto K....
Musica Insieme presenta I Concerti 2019|2020, la...
Tra le traiettorie di Ravenna Festival non può mancare la danza: il 17 giugno...
Recensioni
Chopin, le estati a Nohant
di Piero De Martini
Il Saggiatore, Milano 2016; 237 pagine, 22 euro.

Nell’Enciclopedia Treccani, la voce ...
Sempre libera
di Lorenza Natarella

Bao Publishing, Milano 2017
192 pagine, 19,00 euro

Abruzzese di nascita, ma milanese d’adozione, Lorenza Natarella ha...
Abbonamento a Mondo Classica RSS