Un allestimento monumentale per "Turandot" dal Festival di Bregenz

Il Festival di Bregenz è un appuntamento imperdibile per l'estate di tutti gli appassionati d'opera ed è noto in tutto il mondo per le spettacolari scenografie costruite sul lago di Costanza in Austria. Meraviglie architettoniche e meccaniche trasformano lo scenario naturale nel più grande teatro all'aperto del mondo, dove ogni anno registi, scenografi e interpreti si misurano con la massima dimensione dell'opera lirica.

Don Carlo con Luciano Pavarotti

Classica HD ripropone uno degli spettacoli che hanno segnato l’era di Riccardo Muti al Teatro alla Scala. Don Carlo, senza alcun dubbio il dramma più complesso e ambizioso di Giuseppe Verdi su libretto di Joseph Mery e Camille du Locle tratto dall'omonima tragedia di Friedrich Schiller, nella sontuosa messa in scena di Franco Zeffirelli. Uno spettacolo rimasto impresso nella memoria, anche grazie ad un cast vocale memorabile: Luciano Pavarotti nel ruolo del protagonista, Samule Ramey come Filippo II e Daniela Dessì nei panni di Elisabetta di Valois.

The Neighbour

Un film sulla vita coniugale, sulla possibilità di ricominciare da capo, sulla musica e la sua capacità di toccarci come individui. Si tratta di The Neighbour, una storia narrata attraverso la danza e il movimento che vede come protagonisti i danzatori Line Tørmoen and Dimitri Jourde e il pianista Leif Ove Andsnes che, oltre a eseguire la base musicale – una serie di pagine pianistiche di Leos Janacek – è anche un personaggio dell’azione.

"Sulle punte nella notte"

Il quarto episodio della serie “Talenti all’opera” – firmato dalla regista Francesca Pedroni - è dedicato allo spettacolo della Scuola di Ballo dell'Accademia Teatro alla Scala. Il fascino romantico e notturno delle silfidi, lo sfavillio del balletto americano, il mistero seducente della luna: quattro allieve dell’Accademia - Martina Dalla Mora, Maria Chiara Bono, Agnese Di Clemente e Martina Arduino - ci accompagnano dentro la preparazione di uno spettacolo inedito. Tra prove all’Ansaldo, lezioni in Scala, momenti in camerino, prove costumi, un debutto vissuto sulle punte.

Piano City a Milano dal 22 al 24 maggio

Nell'anno di Expo, la quarta edizione di Piano City Milano si apre venerdì 22 maggio al Parco Sempione con il pianista tedesco Hauschka che offrirà al pubblico una composizione inedita per pianoforti e percussioni. Un progetto musicale che, oltre a rievocare l'Esposizione Universale milanese del 1906, inaugura un'edizione che in tre giorni raggiungerà ogni angolo della città con centinaia di pianoforti. Oltre 350 eventi, diversificati e diffusi in modo capillare dal centro alle periferie, che trasformeranno Milano in un'immensa sala da concerto a cielo aperto.

Dall'Ungheria, l'eredità di Franz Liszt

Giovedì 30 aprile alle ore 11, nella suggestiva cornice della Sala Radetzky di Palazzo Cusani a Milano, un parterre di musicisti, interpreti, critici, ma anche di appassionati s'incontrerà per ascoltare lo “strumento meraviglioso”, il pianoforte da concerto progettato e ideato dal pianista Gergely Boganyi. Alla Sala Radetzky, un programma decisamente denso: Michele Campanella, erede e continuatore della scuola napoletana, ci condurrà all’ascolto dei Quadri di una esposizione di Musorgskij e Gergely Boganyi suonerà due Valzer di Chopin. L'incontro si chiuderà con Andrea Cantù, giovane vistuoso

Pagine

Abbonamento a canale 138