Dal 2012 il Ravenna Festival si è esteso nel corso dell’anno, fuoriuscendo dai confini estivi in cui era tradizionalmente collocato per approdare ai mesi autunnali con la felice invenzione della “Trilogia d’autunno”, un’ambiziosa formula che alterna tre opere sullo stesso palcoscenico sera dopo sera. 
Quest’anno la Trilogia è dedicata a Giuseppe Verdi con Nabucco, Otello e Rigoletto: dal 23 novembre al 2 dicembre questa straordinaria “maratona lirica” darà corpo e voce a tre diversi momenti del percorso artistico del compositore. A una produzione inedita si affianca la rilettura di lavori già presentati (dal “repertorio” che la formula autunnale già può vantare): muovendo dall’afflato biblico e corale che domina il Nabucco, alla luce che scaturisce dal buio esaltando l’anima di Rigoletto, fino al drammatico contrasto cromatico che unisce/separa Otello e Desdemona.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.ravennafestival.it.
Recensioni
Chopin, le estati a Nohant
di Piero De Martini
Il Saggiatore, Milano 2016; 237 pagine, 22 euro.

Nell’Enciclopedia Treccani, la voce ...
Sempre libera
di Lorenza Natarella

Bao Publishing, Milano 2017
192 pagine, 19,00 euro

Abruzzese di nascita, ma milanese d’adozione, Lorenza Natarella ha...