Non tutti sanno che il Simon Boccanegra  di Giuseppe Verdi conobbe un iniziale insuccesso nella sua prima versione. Come testimonia il compositore, dopo la Prima avvenuta il 18 marzo 1857 ,“Ha fatto fiasco quasi altrettanto grande che quello della Traviata. Credevo di aver fatto qualche cosa di passabile ma pare che mi sia sbagliato. Vedremo in seguito chi avrà torto.”

E sembra proprio che il pubblico sarà costretto a ricredersi quando Verdi e Boito, dopo numerosi ritagli, ritocchi e aggiustamenti, la riproporranno  in una nuova versione che andrà in scena il 24 marzo 1881, alla Scala di Milano, sotto la direzione del più grande direttore d'orchestra italiano di quegli anni: Franco Faccio. L'opera ottenne un grande successo e si affermerà come uno dei punti di riferimento del repertorio operistico italiano.

Dall’8 febbraio al 4 marzo va in scena al Teatro alla Scala di Milano quest’opera magnifica, sotto la direzione di Myung-Whun Chung e con la regia di Federico Tiezzi, con Leo Nucci, Krassimira Stoyanova e Fabio Sartori.
Recensioni
Chopin, le estati a Nohant
di Piero De Martini
Il Saggiatore, Milano 2016; 237 pagine, 22 euro.

Nell’Enciclopedia Treccani, la voce ...
Sempre libera
di Lorenza Natarella

Bao Publishing, Milano 2017
192 pagine, 19,00 euro

Abruzzese di nascita, ma milanese d’adozione, Lorenza Natarella ha...